“L’uomo della buca", avvistato inaspettatamente durante le riprese del film Corumbiara, del regista Vincent Carelli.

“L’uomo della buca", avvistato inaspettatamente durante le riprese del film Corumbiara, del regista Vincent Carelli. © Vincent Carelli

Brasile: “L’uomo della buca” è morto. Era l’ultimo membro della sua tribù e l’unico abitante del territorio indigeno di Tanaru nello stato di Rondonia, nell’Amazzonia brasiliana occidentale.

Il resto del suo popolo era stato massacrato in una serie di attacchi dagli anni ‘70 in poi, ma si sapeva poco della sua gente perché ha sempre resistito a ogni tentativo di contatto. Conosciuto dagli esterni come “L’uomo della buca" per la sua abitudine di costruire buche profonde, in fondo alle quali spesso conficcava paletti appuntiti, è stato filmato da una squadra del governo nel 2018 durante un incontro casuale.

Il territorio di Tanaru si erge come una piccola isola di foresta in un mare di vasti allevamenti di bestiame, in una delle regioni più violente del Brasile. Survival International, insieme ad alcune organizzazioni brasiliane, ha condotto per molti anni una campagna per la protezione della sua terra.

Un fermo-immagine da un video del FUNAI in cui si intravede L'uomo della buca, girato durante una missione di monitoraggio del governo.

Un fermo-immagine da un video del FUNAI in cui si intravede L’uomo della buca, girato durante una missione di monitoraggio del governo. © FUNAI

Guarda il video del FUNAI.

Fiona Watson, direttrice del Dipartimento ricerca e advocacy di Survival International, il movimento mondiale per i popoli indigeni, ha visitato il territorio nel 2004 con un team di monitoraggio del governo e ha scritto un toccante resoconto della sua visita.

“Nessun esterno ha mai saputo il suo nome, e della sua tribù non si sa quasi nulla” ha dichiarato oggi Fiona Watson. “Con la sua morte, il genocidio del suo popolo è ora stato completato. Perché di un vero e proprio genocidio si tratta: l’eliminazione deliberata di un intero popolo da parte di allevatori di bestiame affamati di terra e ricchezza.”

“L’uomo della buca è il simbolo sia delle crudeltà e delle violenze inflitte ai popoli indigeni di tutto il mondo nel nome della colonizzazione e del profitto, sia della loro resistenza. Possiamo solo cercare di immaginare gli orrori a cui ha assistito nella sua vita e la solitudine della sua esistenza dopo che il resto della sua tribù morì, ma ha resistito con determinazione a tutti i tentativi di contatto e ha chiarito bene che voleva solo essere lasciato solo.”

“Se il presidente Bolsonaro e i suoi alleati dell’agroalimentare l’avranno vinta, questa storia si ripeterà più e più volte fino a quando tutti i popoli indigeni del Paese non saranno stati spazzati via. Il movimento indigeno in Brasile e Survival International faranno tutto il possibile per garantire che ciò non accada."

Territorio Indigeno Tanaru, Brasile (qui vive vive l’“Ultimo della sua tribù”: un uomo solo, l’ultimo sopravvissuto del suo popolo).

Territorio Indigeno Tanaru, Brasile (qui vive vive l’“Ultimo della sua tribù”: un uomo solo, l’ultimo sopravvissuto del suo popolo). © Survival International

OPI, l’Osservatorio per i diritti umani dei popoli incontattati e di recente contattato, ha chiesto che la riserva di Tanaru sia protetta in modo permanente a memoria del genocidio indigeno, e Survival sostiene la richiesta.

Fiona Watson è disponibile per interviste. Survival ha foto e video disponibili.

Nota ai redattori
Il territorio indigeno di Tanaru, di 8.000 ettari, è uno dei sette territori del Brasile protetti da Ordinanze di protezione territoriale. Il presidente Bolsonaro e i suoi alleati stanno da tempo cercando di far abolire queste protezioni.