Gli Hongana ManyawaGli Hongana ManyawaGli Hongana ManyawaGli Hongana ManyawaGli Hongana Manyawa

Gli Hongana Manyawa

“Siamo gli Hongana Manyawa: difendiamo le foreste e le montagne perché le consideriamo i nostri genitori.”

Intervieni   Dona

Il nichel usato nelle batterie delle auto elettriche minaccia di sterminare un popolo incontattato

In Indonesia, un imponente progetto di estrazione del nichel rischia di spazzar via un popolo incontattato che ha scelto di vivere nella foresta, lontano dagli esterni. Molti membri della tribù sono già in fuga a causa delle attività minerarie che distruggono le loro terre ancestrali e ne danneggiano i fiumi.

Si stima che nel cuore verde dell’isola di Halmahera vivano tra i 300 e i 500 Hongana Manyawa incontattati. Ampie aree del loro territorio sono state assegnate a compagnie estrattive, e in alcune zone le ruspe sono già al lavoro.

Il progetto fa parte di un più ampio programma del governo indonesiano che mira a diventare un importante produttore di batterie per auto elettriche grazie all’estrazione e alla fusione di nichel e di altri minerali: un piano in cui compagnie internazionali come Tesla stanno già investendo miliardi di dollari. Nelle attività minerarie di Halmahera sono coinvolte compagnie francesi, tedesche e cinesi. Sebbene non abbiano contribuito in alcun modo ai cambiamenti climatici, gli Hongana Manyawa incontattati ora rischiano di essere sterminati dal passaggio alle auto elettriche del mondo industrializzato. Hanno urgente bisogno del tuo sostegno!

Una donna Hongana Manyawa contattata, nella foresta di Halmahera.

Una donna Hongana Manyawa contattata, nella foresta di Halmahera. © Nanang Sujana

Custodi delle loro foreste

Gli Hongana Manyawa – il cui nome nella loro lingua significa “popolo della foresta” –  sono uno degli ultimi popoli cacciatori-raccoglitori nomadi dell’Indonesia, e molti di loro sono incontattati.

Hanno un profondo rispetto per la loro foresta e per tutto ciò che essa racchiude: credono che gli alberi, come gli esseri umani, abbiano anima e sentimenti. Per questo, per costruire le loro abitazioni non abbattono alberi, ma usano solo foglie e rami. Quando utilizzano i prodotti della foresta, celebrano rituali per chiedere il permesso alle piante e lasciano offerte in segno di rispetto.

Dalla nascita alla morte, la vita degli Hongana Manyawa è radicata nella foresta. Quando nasce un bambino, la famiglia pianta un albero in segno di gratitudine e seppellisce il cordone ombelicale tra le sue radici: in questo modo, l’albero cresce insieme al bambino, indicando la sua età. Quando muoiono, i corpi dei defunti vengono deposti sugli alberi in un’area speciale della foresta riservata agli spiriti.

Senza foresta, non esisteranno più Hongana Manyawa.
Uomo Hongana Manyawa

Gli Hongana Manyawa sono nomadi e ricavano quasi tutto ciò di cui hanno bisogno dalle attività di caccia e raccolta: costruiscono la loro casa in un’area della foresta, per poi spostarsi nuovamente per permettere alla natura di rigenerarsi. La loro conoscenza della foresta di Halmahera non ha pari; cacciano cinghiali, cervi e altri animali e mantengono uno stretto legame con la palma da sago (una pianta ora minacciata a causa della deforestazione legata all’attività mineraria), che costituisce la loro principale fonte di carboidrati. Hanno anche incredibili conoscenze medicinali e sanno curare molte malattie con le piante locali, anche se sta diventando sempre più difficile a causa delle nuove malattie portate dal contatto forzato e dal reinsediamento in villaggi.

Per me, è molto più conveniente continuare a spostarmi perché così il cibo è molto più vario e disponibile, e posso cacciare regolarmente. Vivere in modo stanziale nel villaggio è molto scomodo e il cibo scarseggia.
Uomo Hongana Manyawa

Un gruppo di Hongana Manyawa nomadi nella foresta di Halmahera. Gli Hongana Manyawa vivono nella loro foresta da migliaia di anni e ricavano da essa tutto ciò di cui hanno bisogno.

Un gruppo di Hongana Manyawa nomadi nella foresta di Halmahera. Gli Hongana Manyawa vivono nella loro foresta da migliaia di anni e ricavano da essa tutto ciò di cui hanno bisogno. © AMAN

Evitare il contatto per sopravvivere

Questo incredibile video, registrato nel 2021, mostra un uomo Hongana Manyawa incontattato cantare con rabbia lanciando pietre e rami per allontanare gli estranei entrati nel suo territorio.

L’arrivo delle compagnie minerarie è solo l’ultima minaccia agli Hongana Manyawa e alle loro terre. Negli ultimi decenni, i governi indonesiani hanno ripetutamente tentato di forzare il contatto con gli Hongana Manyawa, per porre fine al loro nomadismo e sfrattarli dalla foresta ancestrale. Affermano di volerli “civilizzare”: hanno cercato di costringerli a sedentarizzarsi costruendo per loro case in stile indonesiano ma gli Hongana Manyawa raccontano che queste nuove case – con il tetto di metallo invece che di foglie di palma – li fanno sentire come “animali in gabbia”.

Una donna Hongana Manyawa ha detto a Survival:

Siamo così felici di vivere nella foresta con diversi tipi di carne e cibo. Possiamo raccogliere i materiali che ci servono per costruire il tetto e sostituire quello di zinco che il governo ha fatto per noi.
Donna Hongana Manyawa

Come per tutti i popoli incontattati del mondo, anche per gli Hongana Manyawa il contatto forzato si è rivelato disastroso. Furono subito esposti a malattie verso cui non avevano difese immunitarie. Dalla fine degli anni ’70 fino ai primi anni ’90, i villaggi appena insediati furono colpiti da emidemie che provocarono sofferenze diffuse e morte; gli Hongana Manyawa ricordano quel periodo come quello della “pestilenza”.

Abbiamo avuto tante malattie diverse quando ci siamo insediati per la prima volta, alcune mortali. Alcune persone hanno avuto una febbre che è andata avanti per giorni e notti, e una tosse interminabile, addirittura per settimane.
Uomo Hongana Manyawa

Alcuni Hongana Manyawa incontattati durante un incontro con gli abitanti di un villaggio indonesiano (sul davanti) nel 2009. Gli incontri tra gli Hongana Manyawa incontattati e gli esterni sono molto rari, spesso violenti e sempre pericolosi.

Alcuni Hongana Manyawa incontattati durante un incontro con gli abitanti di un villaggio indonesiano (sul davanti) nel 2009. Gli incontri tra gli Hongana Manyawa incontattati e gli esterni sono molto rari, spesso violenti e sempre pericolosi. © Survival

Gli Hongana Manyawa già contattati fungono anche da comodo capro espiatorio per la polizia, che spesso li accusa di crimini con cui non hanno nulla a che fare. Molti sono stati incarcerati per omicidi che non hanno commesso e hanno languito in prigione per anni.

Per noi è meglio vivere nella foresta, così non veniamo accusati di queste cose. Non ci sentiamo al sicuro, molti degli uomini si sono trasferiti nella foresta e poi sono tornati a prendere le loro mogli e le famiglie. Alcuni sono nel profondo della foresta… sono profondamente traumatizzati.
Donna Hongana Manyawa

Gli Hongana Manyawa subiscono un pesante razzismo: vengono costantemente descritti dai media e dai funzionari indonesiani come “primitivi”, e i loro stili di vita unici e autosufficienti non vengono rispettati. È opinione diffusa che trarrebbero beneficio dalla “integrazione” nella società dominante: una convinzione che comporta conseguenze disastrose e mortali.

Oggi, molti membri della tribù vivono in villaggi costruiti dal governo. Ma altrettanti sono tornati nella foresta, traumatizzati dai tentativi di sedentarizzazione forzata del governo – come accaduto anche ad altri popoli del mondo che hanno subito il contatto forzato.

Gli Hongana Manyawa incontattati hanno fatto capire chiaramente, più e più volte, di non volersi sedentarizzare e di non volere estranei nel loro territorio. Sono ben consapevoli dei pericoli del contatto forzato, epidemie mortali comprese. Non c’è quindi da meravigliarsi se – come fanno i Sentinelesi incontattati dell’India – difendono le loro terre e lanciano frecce contro chi entra a forza nella loro foresta.

Oggi, però, rischiano non solo di essere sfrattati dalla foresta che li sostiene, ma anche di vederla completamente distrutta dalle multinazionali che si affannano per fornire uno stile di vita che dovrebbe essere “sostenibile’” e “verde” a chi vive a migliaia di chilometri di distanza.

Le attività minerarie ‘verdi’ minacciano le vite dei popoli incontattati

Oggi la più grande minaccia agli Hongana Manyawa viene dalla cosiddetta industria ‘verde’.

La loro foresta giace su terre ricche di nichel, un metallo sempre più ricercato come componente delle batterie per auto elettriche. Al momento l’Indonesia ne è il più grande produttore al mondo e si stima che nell’isola di Halmahera vi siano alcune delle più imponenti riserve di nichel non sfruttate del pianeta. Il nichel non è fondamentale per la produzione di queste batterie, ma dato che il mercato di questo metallo sta fiorendo, diverse compagnie estrattive si stanno insediando nell’area distruggendo enormi porzioni di foresta.

Gli Hongana Manyawa incontattati sono in fuga. Senza la loro foresta, non sopravvivranno. Le auto elettriche vengono commercializzate come alternativa ecocompatibile alle auto alimentate a combustibili fossili, ma nel modo in cui viene estratto il nichel ad Halmahera non c’è niente di ecologico.

Ovviamente, le tribù incontattate non possono dare il loro Consenso Libero, Previo e Informato allo sfruttamento della loro terra; un requisito legalmente necessario per tutte le attività di ‘sviluppo’ nelle terre indigene, come previsto dalla legge internazionale.

Nonostante questo, la Weda Bay nichel (WBN) – una compagnia di cui la francese Eramet è comproprietaria – ha nell’isola un’enorme concessione mineraria, che si sovrappone ai territori degli Hongana Manyawa. La WBN ha iniziato le attività estrattive nel 2019 e, da allora, sono state distrutte vaste aree di foresta pluviale, casa degli Hongana Manyawa. La compagnia ha intenzione di aumentare di molto l’attuale tasso di estrazione e di continuare a operare per 50 anni.

Abbiamo ancora una foresta sacra, ma non ci sono più molti animali… Ormai non è più una buona foresta.
Uomo Hongana Manyawa

Queste immagini satellitari mostrano l’entità della distruzione nel Parco Industriale Indonesia Weda Bay (IWIP), centro delle attività minerarie sull’isola, nel periodo dal 2016 al 2022. Se le attività minerarie e la lavorazione del nichel dovessero continuare a tale livello, presto la foresta degli Hongana Manyawa non esisterà più. © Planet Labs Inc. /prodotto da Earthrise

before
After

Il governo indonesiano afferma che l’estrazione del nichel è “cruciale per le tecnologie a energia pulita” ma, per la sua lavorazione, nel Parco Industriale IWIP sono in costruzione centrali elettriche a carbone. L’Agenzia Internazionale per l’Energia stima che per ogni tonnellata di nichel fuso vengano emesse 19 tonnellate di carbonio; prove raccolte da un progetto simile a Sulawesi hanno inoltre dimostrano il collegamento tra questa lavorazione e l’insorgenza di malattie respiratorie negli abitanti locali. Queste attività minerarie (con annesse strade, fonderie e altre enormi strutture industriali) non solo stanno devastando le foreste degli Hongana Manyawa, ma inquinano anche l’aria e danneggiano i fiumi. La lavorazione del nichel è spesso altamente tossica e richiede l’utilizzo di agenti chimici: per ogni tonnellata di metallo processato si producono due tonnellate di rifiuti tossici.

Survival lotta contro le false soluzioni alla crisi climatica, che distruggono le vite dei popoli indigeni e le loro terre.

Stanno avvelenando la nostra acqua, ci sentiamo come se ci stessero uccidendo lentamente.
Donna Hongana Manyawa

Eramet, Tesla e compagnie collegate

Nelle attività minerarie condotte sulle terre degli Hongana Manyawa incontattati sono coinvolte, direttamente o indirettamente, diverse compagnie internazionali.

La WBN è una joint-venture di diverse compagnie, ma l’azienda francese Eramet è comproprietaria e responsabile dell’attività estrattiva stessa. Eramet si fa vanto delle sue credenziali nell’ambito dell’ambiente e dei diritti umani, sostenendo che “definirà gli standard” e che sarà “punto di riferimento” proprio sui diritti umani. Eppure continua a scavare nel territorio degli Hongana Manyawa incontattati.

Survival ha inoltre appreso che la compagnia chimica tedesca BASF ha intenzione di collaborare con Eramet per costruire una raffineria ad Halmahera, e che una sua possibile ubicazione potrebbe trovarsi proprio nel territorio degli Hongana Manyawa incontattati. Per i membri incontattati dell’area, che già vivono in fuga per sottrarsi alle attività minerarie, sarebbe devastante.

In questo Tribal Voice, due anziani Hongana Manyawa denunciano la distruzione della loro foresta e affermano chiaramente di non dare alle aziende che estraggono nichel il loro consenso a prendere la loro terra.

Survival ha saputo, inoltre, che gli Hongana Manyawa incontattati stanno fuggendo sempre più all’interno della foresta, scioccati dagli attacchi alla loro terra e al loro stile di vita.

Gli alberi sono spariti, sostituiti da grandi strade dove macchine giganti entrano ed escono facendo tanto rumore e facendo scappare gli animali.
Donna Hongana Manyawa

Deforestazione causata dalle attività minerarie, Halmahera.

Deforestazione causata dalle attività minerarie, Halmahera. © mongabay.co.id

Tesla, la più grande produttrice di auto elettriche al mondo, ha firmato contratti da miliardi di dollari americani per comprare dall’Indonesia nichel e cobalto da usare nelle sue batterie. Il suo amministratore delegato Elon Musk ha inoltre negoziato ad alto livello con il governo indonesiano per aprire una fabbrica di batterie elettriche nel paese. Il Presidente dell’Indonesia Yoko Widodo ha persino offerto a Tesla una “concessione per l’estrazione del nichel”.

Nella policy sui diritti indigeni di Tesla si legge: “Per l’estrazione e la lavorazione di tutte le materie prima usate nei prodotti Tesla, ci aspettiamo che i fornitori della nostra industria mineraria interagiscano con i legittimi rappresentanti delle comunità indigene e che le loro operazioni includano il diritto al Consenso Libero e Informato”.

Ciò nonostante, Tesla ha firmato accordi con le compagnie cinesi Huayou Cobalt e CNGR Advanced Material, entrambe collegate all’estrazione del nichel dall’isola di Halmahera. Sebbene la filiera sia segreta e spesso oscura, dati gli interessi di Tesla in Indonesia e la portata delle attività minerarie in programma ad Halmahera, è molto probabile che il nichel estratto dall’isola finisca nelle macchine Tesla.

Incontro tra Elon Musk, CEO di Tesla, e Joko Widodo, Presidente dell’Indonesia, in Texas nel 2022. Tesla ha firmato accordi da miliardi di dollari per l’acquisto di nichel dall’Indonesia.

Incontro tra Elon Musk, CEO di Tesla, e Joko Widodo, Presidente dell’Indonesia, in Texas nel 2022. Tesla ha firmato accordi da miliardi di dollari per l’acquisto di nichel dall’Indonesia. © Merdeka.com

Non gli do il consenso a prenderla… dite loro che non vogliamo dar via la nostra foresta.
Donna Hongana Manyawa

La domanda di auto elettriche sta provocando la distruzione delle terre di un popolo incontattato

Invece di distruggere ulteriormente la natura e le persone che la difendono nel nome della lotta ai cambiamenti climatici, dovremmo aiutare i popoli incontattati a difendere la loro foresta e i loro diritti territoriali: loro sono i custodi dei polmoni verdi del nostro pianeta.

Noi Hongana Manyawa non vogliamo che sia aperta una miniera perché distruggerebbe la nostra foresta. Difenderemo a fondo questa foresta. Se venisse danneggiata, dove potremmo vivere?
Uomo Hongana Manyawa

Intervieni per gli Hongana Manyawa

Presto gli Hongana Manyawa non avranno più né foreste né tempo. Hanno disperato bisogno del sostegno internazionale per fermare la distruzione delle loro terre ancestrali prima che sia troppo tardi.

I diritti territoriali degli Hongana Manyawa devono essere riconosciuti. Survival chiede che sia dichiarata una zona di emergenza per gli Hongana Manyawa incontattati. Survival ha lottato con successo, in tutto il mondo, per i diritti territoriali dei popoli incontattati, difendendoli da esterni che portano malattie mortali e da progetti di sviluppo devastanti che potrebbero distruggerli.

Chiediamo:

- che Eramet e le altre compagnie minerarie attive in Halmahera rispettino immediatamente la legge internazionale e cessino attività minerarie e altre attività di “sviluppo” nelle terre dei popoli incontattati;

- che Tesla e le altre compagnie automobilistiche si impegnino pubblicamente a garantire che il nichel e il cobalto che acquistano non provenga dalle terre degli Hongana Manyawa incontattati;

- che il governo indonesiano stabilisca una “zona a ingresso vietato” per tutelare gli Hongana Manyawa incontattati e i loro territori.

Con il tuo sostegno, i territori degli Hongana Manyawa incontattati potranno essere protetti dalle attività minerarie, permettendo così agli indigeni di continuare a vivere nella loro terra come preferiscono.

Voglio condividere le mie conoscenze con i miei nipoti. e con chi vorrà imparare a mangiare e vivere nella foresta.
Uomo Hongana Manyawa

Un anziano Hongana Manyawa contattato nella foresta di Halmahera. Gli Hongana Manyawa sono determinati a difendere la loro foresta.

Un anziano Hongana Manyawa contattato nella foresta di Halmahera. Gli Hongana Manyawa sono determinati a difendere la loro foresta. © Nanang Sujana

Passa all'azione! Aiuta Gli Hongana Manyawa

Intervieni subito per gli Hongana Manyawa!

Condividere

  • Facebook
  • WhatsApp
  • Copy

Iscriviti alla newsletter

Secondo le stime ONU, i popoli indigeni oggi contano 476 milioni di persone in 90 nazioni diverse. Tra loro, circa 150 milioni vivono in società tribali. Scopri di più su questi popoli e sulle loro lotte: iscriviti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti periodici.

Gli Hongana Manyawa: ultime notizie