I Sentinelesi

I Sentinelesi sono una tribù incontattata che vive sull’isola di North Sentinel, nelle isole indiane delle Andamane. Rifiutano con forza ogni contatto con l’esterno.

È di fondamentale importanza che il loro desiderio di rimanere incontattati venga rispettato – in caso contrario, l’intera tribù potrebbe essere spazzata via da malattie verso cui non ha difese immunitarie. Quando il contatto è stato imposto ad altre tribù delle Andamane infatti, l’impatto è stato devastante.

A seguito di una campagna condotta da Survival e da alcune organizzazioni locali, il governo indiano ha abbandonato i piani per contattare i Sentinelesi.

Survival continua a fare pressione per garantire che il governo mantenga la sua posizione di non cercare di stabilire ulteriori contatti con la tribù.

Intervieni ↓   Dona →

I Sentinelesi sono la tribù più isolata del mondo e hanno catturato l’immaginario di milioni di persone in tutto il mondo. Vivono nella loro piccola isola chiamata North Sentinel, grande all’incirca quanto Manhattan. Continuano a resistere a qualunque contatto con gli esterni e attaccano chiunque si avvicini.

Subito dopo lo tsunami del 2004, un Sentinelese fu fotografato mentre lanciava frecce a un elicottero.

Subito dopo lo tsunami del 2004, un Sentinelese fu fotografato mentre lanciava frecce a un elicottero.
© Indian Coastguard/Survival

Nel novembre 2018, l’americano John Allen Chau è stato ucciso da alcuni membri della tribù dei Sentinelesi.

Nel 2006 due pescatori indiani che avevano ormeggiato la loro imbarcazione vicino a North Sentinel per dormire dopo aver pescato di frodo nelle acque attorno all’isola, furono uccisi perchè la loro barca – che aveva rotto gli ormeggi – si arenò sulla riva. È risaputo che i bracconieri pescano illegalmente nelle acque attorno all’isola, catturando tartarughe e immergendosi per cercare aragoste e cetrioli di mare.

Le tribù ha fatto capire chiaramente di non volere il contatto. È una scelta saggia. Le tribù vicine furono spazzate via a seguito della colonizzazione britannica delle isole; i Sentinelesi, inoltre, non non hanno difese immunitarie verso malattie comuni come l’influenza e il morbillo, che potrebbero decimare la loro popolazione.

Survival International è l’unica organizzazione a lottare in tutto il mondo per fermare lo sterminio delle tribù incontattate, come i Sentinelesi

Per favore, fai una donazione→

L’isola di North Sentinel, casa dei Sentinelesi, vista dall’alto.
L’isola di North Sentinel, casa dei Sentinelesi, vista dall’alto.
© Survival

Le informazioni che abbiamo sui Sentinelesi derivano, in gran parte, dalle osservazioni effettuate da imbarcazioni ormeggiate a distanza di sicurezza dalle frecce, o dai brevi periodi in cui la tribù permise alle autorità di avvicinarsi abbastanza per consegnare alcune noci di cocco. Non si sa neppure con quale nome si riferiscano a sé stessi.

I Sentinelesi cacciano e raccolgono nella foresta, e pescano nelle acque costiere. Diversamente dalla vicina tribù degli Jarawa, costruiscono imbarcazioni: si tratta di canoe a bilanciere molto strette, descritte come “troppo strette per contenere due piedi.” Possono essere usate solo in acque poco profonde perché devono essere guidate e spinte usando un palo, come una zattera.

Si pensa che i Sentinelesi vivano in tre piccoli gruppi. Le loro abitazioni sono di due tipologie: grandi capanne comunitarie con diversi focolari per più famiglie, e rifugi provvisori – che a volte si possono vedere sulla spiaggia – senza pareti laterali e con spazio sufficiente per un solo nucleo familiare.

Le donne portano una cordicella di fibra intorno alla vita, al collo e alla testa. Anche gli uomini usano collane e fasce attorno al capo mentre in vita hanno una cintura più spessa; portano anche lance, archi e frecce.

I Sentinelesi godono di una salute eccellente, a differenza delle tribù delle Andamane le cui terre sono state distrutte.
I Sentinelesi godono di una salute eccellente, a differenza delle tribù delle Andamane le cui terre sono state distrutte.

© Survival International

Spesso i media descrivono la tribù come appartenente all’ “età della pietra” ma questo, naturalmente, non è vero. Non vi è alcuna ragione per credere che i Sentinelesi abbiano vissuto nello stesso modo per le decine di migliaia di anni da cui probabilmente abitano nelle Andamane. Come tutti i popoli, anche il loro stile di vita sarà cambiato e si sarà adattato molte volte. Ad esempio, oggi utilizzano il metallo che è arrivato dal mare sulle loro rive o che hanno raccolto dai resti delle barche naufragate sulle barriere coralline dell’isola. Il ferro viene affilato e utilizzato come punta per le frecce.

Da quanto si può vedere a distanza i Sentinelesi sono chiaramente vitali, ma anche sani e prosperi – a differenza degli Onge e dei Grandi Andamanesi a cui i britannici cercarono di portare la “civilizzazione”. Le persone avvistate sulle rive dell’isola di North Sentinel sembrano fiere, forti e sane, e gli osservatori hanno sempre visto molti bambini e donne incinte.

I Sentinelesi fanno la guardia sulla spiaggia dell’isola.

I Sentinelesi fanno la guardia sulla spiaggia dell’isola.

© Christian Caron – Creative Commons A-NC-SA

Nella seconda metà del 1800 M.V. Portman, funzionario britannico “Responsabile degli Andamanesi”, sbarcò con una grande squadra sull’isola di North Sentinel nella speranza di contattare i Sentinelesi. La squadra era formata da funzionari, detenuti e uomini di altre tribù andamanesi già entrate in contatto con i britannici.

Trovarono sentieri e villaggi abbandonati di recente, ma nessun Sentinelese. Dopo qualche giorno incontrarono una coppia di anziani e alcuni bambini che furono portati “nell’interesse della scienza” a Port Blair, la capitale delle isole. Come prevedibile, presto si ammalarono e gli adulti morirono. I bambini furono riportati sull’isola con numerosi regali.

Non si sa quanti membri della tribù si ammalarono a seguito di questa “ricerca scientifica” ma è probabile che i bambini abbiano trasmesso le loro malattie, con conseguenze devastanti. È una mera congettura, ma forse questa esperienza può spiegare la continua ostilità dei Sentinelesi e il loro rifiuto al contatto con gli esterni?

Nel corso degli anni ’70 la autorità indiane effettuarono viaggi occasionali a North Sentinel nel tentativo di rendersi amica la tribù. Spesso queste spedizioni avvenivano sotto il controllo di dignitari in cerca di un’avventura. Durante uno di questi viaggi furono lasciati sulla spiaggia due maiali e una bambola: i Sentinelesi uccisero i maiali con una lancia e li seppellirono insieme alla bambola. Negli anni ’80 le visite divennero più regolari: le squadre cercavano di sbarcare in un luogo fuori dalla portata delle frecce della tribù e lasciavano in dono noci di cocco, banane e punte di ferro. A volte i Sentinelesi sembravano fare gesti amichevoli; altre volte, invece, portavano i doni nella foresta e poi scagliavano frecce in direzione della squadra di contatto.

I Sentinelesi vivono nell’isola da quasi 55.000 anni e non hanno contatti con il mondo esterno.
I Sentinelesi vivono nell’isola da quasi 55.000 anni e non hanno contatti con il mondo esterno.

© Survival International

Nel 1991 sembrò esserci una svolta. Quando i funzionari arrivarono all’isola di North Sentinel, i membri della tribù fecero capire a gesti che volevano i doni e, per la prima volta, si avvicinarono senza armi. Entrarono persino in acqua in direzione della barca per raccogliere altre noci di cocco. Ma questo contatto amichevole non era destinato a durare: i viaggi per lasciare doni continuarono per alcuni anni, ma gli incontri non furono sempre amichevoli. A volte i Sentinelesi puntavano le loro frecce verso il gruppo di contatto, e una volta attaccarono una barca di legno con le loro adzes (un’ascia di pietra per tagliare il legno). Nessuno sa perché prima abbandonarono e poi ripresero l’ostilità verso le missioni di contatto, nè se qualcuno sia morto a causa di malattie contratte durante queste visite.

Nel 1996 le missioni regolari per portare doni cessarono. Molti funzionari cominciarono a mettere in dubbio l’idea di contattare un popolo sano e felice, che da oltre 55.000 anni viveva in modo prospero e indipendente. Per le tribù dei Grandi Andamanesi, i contatti amichevoli avevano avuto solamente un impatto devastante. Quasi sicuramente, anche il contatto prolungato con i Sentinelesi avrebbe portato a tragiche conseguenze.

Negli anni che seguirono furono effettuate solo visite occasionali, e le risposte continuarono ad essere diverse. Dopo lo tsunami del 2004, i funzionari effettuarono due visite per controllare, a distanza, che la tribù fosse in salute e non soffrisse in alcun modo. Fu allora che le autorità dichiararono che non ci sarebbero stati ulteriori tentativi di contattare i Sentinelesi.


Contact Mission Sentinelese

Footage from one of many government attempts to establish contact with the isolated Sentinelese by fostering a dependence on outside gifts such as coconuts. After protests by Survival and local supporters, such contact trips have officially stopped, as they put both parties at grave risk.

L’isolamento estremo li rende molto vulnerabili a malattie verso cui non hanno difese immunitarie; per questo, quasi sicuramente, il contatto avrebbe conseguenze tragiche per la tribù.

Grazie a una campagna condotta da Survival e alcune organizzazioni locali, il governo indiano ha abbandonato i progetti di contattare i Sentinelesi: la sua posizione rimane quella di non cercare ulteriormente di contattare la tribù.

Per assicurarsi che stiano bene e che non abbiano deciso di entrare in contatto con l’esterno, vengono effettuati controlli periodici da barche ancorate a una distanza di sicurezza dalla riva.

Aiuta i Sentinelesi

Survival fa pressione sull’India affinché fermi il bracconaggio illegale nel mare intorno all’isola, e mantenga la sua politica di non contatto. Il tuo sostegno è essenziale per garantire la sopravvivenza di questa tribù.
Puoi aiutare in molti modi:

 
 
Ogni volta che vedo quelle grandi dita mi sento felice
Barabaig Tanzania
  • Dal 1969 |
  • Uffici a Londra, Berlino, Madrid, Milano, Parigi e San Francisco