Nuovo, straordinario video dell’ultimo sopravvissuto di una tribù amazzonica

La casa di Lultimo della sua tribù e l’orto in cui lui coltiva manioca e altre verdure.

La casa di Lultimo della sua tribù e l’orto in cui lui coltiva manioca e altre verdure.
© J. Pessoa

Il FUNAI, Dipartimento brasiliano agli Affari Indigeni, ha diffuso nuove, straordinarie immagini dell’ultimo sopravvissuto di una tribù incontattata dell’Amazzonia brasiliana.


L’ultimo della sua tribù di Survival International su Vimeo.

©FUNAI

L’uomo, conosciuto come ‘L’ultimo della sua tribù’, ha fatto capire chiaramente di non volere entrare in contatto con il mondo esterno. Proprio a causa della mancanza di interazione, nessuno conosce la sua storia ma è probabile che la sua tribù sia stata sterminata da sicari al soldo di colonizzatori e allevatori che hanno invaso il territorio a partire dagli anni Settanta.

Dai suoi accampamenti abbandonati sappiamo che coltiva mais, manioca, papaya e banane. Sappiamo anche che caccia, e che scava buche profonde circa due metri in cui conficca bastoni affilati per catturare gli animali. Costruisce capanne di paglia e canne e al loro interno scava una buca, probabilmente per proteggersi in caso di attacco.

Capanna e orto dove lultimo della sua tribù coltiva manioca e altre verdure. Di questo Indiano incontattato si sa molto poco. Vive isolato in un angolo di foresta, circondato dagli allevamenti e dalle piantagioni di soia nello stato brasiliano di Rondônia.

Capanna e orto dove lultimo della sua tribù coltiva manioca e altre verdure. Di questo Indiano incontattato si sa molto poco. Vive isolato in un angolo di foresta, circondato dagli allevamenti e dalle piantagioni di soia nello stato brasiliano di Rondônia.
© J.Pessoa

Il FUNAI è a conoscenza dell’esistenza dell’uomo all’incirca dal 1990, quando vennero trovate prove di capanne distrutte della tipologia da lui costruita. Nonostante sia stato attaccato dai sicari nel 2009, è sopravvissuto grazie al lavoro del FUNAI che ha implementato l’ordine di protezione del suo territorio. Ora, però, questa legge è in pericolo.

L’uomo scava profonde buche per intrappolarvi gli animali o per nascondersi. Si crede che sia il solo superstite di una tribù massacrata dagli allevatori tra gli anni Settanta e Ottanta.

L’uomo scava profonde buche per intrappolarvi gli animali o per nascondersi. Si crede che sia il solo superstite di una tribù massacrata dagli allevatori tra gli anni Settanta e Ottanta.

© Survival

La regione è una delle più violente del Brasile – situazione che potrebbe peggiorare ulteriormente con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali in Brasile il prossimo ottobre – e il budget del FUNAI è stato considerevolmente ridotto. Da anni Survival International, il movimento mondiale per i popoli indigeni, fa pressione sul governo affinchè protegga il territorio di quest’uomo di fronte ai ripetuti tentativi degli allevatori della zona di invaderlo

Palo e torcia di resina costruiti dall’ultimo della sua tribù e rinvenuti dal FUNAI nella sua casa nel territorio di Tanaru nello stato di Rondônia, Brasile, nel 2005.

Palo e torcia di resina costruiti dall’ultimo della sua tribù e rinvenuti dal FUNAI nella sua casa nel territorio di Tanaru nello stato di Rondônia, Brasile, nel 2005.
© J. Pessoa

Video come questo sono fondamentali nella lotta per difendere le tribù incontattate, i popoli più vulnerabili del mondo. Il FUNAI deve dimostrare che l’uomo è ancora in vita per mantenere l’ordine restrittivo che protegge la sua terra, altrimenti gli allevatori che circondano il territorio si muoverebbero in modo rapido e violento per appropiarsene.

“Quest’uomo che nessuno di noi conosce e che ha perso praticamente tutto, incluso il resto del suo popolo, dimostra che è possibile sopravvivere e resistere al contatto” ha dichiarato Altair Algayer, capo della missione governativa del FUNAI che monitora il territorio. “Ritengo che stia meglio così rispetto a come starebbe se avesse avuto qualche contatto con il mondo esterno.”

“Le tribù incontattate non sono reliquie primitive di un passato remoto. Vivono qui e ora. Sono nostre contemporanee e una parte essenziale della diversità umana, ma se la loro terra non sarà protetta rischiano la catastrofe” ha dichiarato Stephen Corry, Direttore generale di Survival International.

“I terribili crimini che sono stati commessi contro questo uomo e il suo popolo non devono ripetersi più, ma se le loro terre non saranno protette, molte altre tribù incontattate rischiano di incorrerre nello stesso destino. Solo un radicale cambiamento dell’opinione pubblica può aumentare le probabilità di una loro sopravvivenza futura e contrapporsi agli interessi della potente lobby dell’agribusiness che non aspetta altro che poter rubare le terre delle tribù incontattate – anche a costo della loro vita.”

Fiona Watson, ricercatrice e responsabile delle campagne di Survival International, ha visitato il territorio nel corso di una spedizione governativa di monitoraggio. Ha visto e fotografato le capanne dell’uomo ed è disponibile per eventuali interviste, su richiesta. Possiamo anche fornire ulteriori immagini e il video.