Il governo chiede scusa agli Aborigeni

Il nuovo governo australiano ha annunciato la presentazione delle proprie scuse ai suoi primi abitanti, gli Aborigeni, per il trattamento riservato loro nel passato.

Il nuovo primo Ministro Kevin Rudd ha annunciato che il primo atto del nuovo Parlamento, che si riunirà il 12 febbraio prossimo, sarà la formulazione di scuse formali per le ingiustizie del passato.

Jenny Macklin, Ministro agli Affari Indigeni, ha dichiarato che le scuse sono “il primo doveroso passo da compiere per lasciarsi il passato alle spalle”.

Recentemente, Survival ha sollecitato una radicale revisione del controverso programma d’emergenza varato dal precedente governo per il Northern Territory, ampiamente condannato dalle organizzazioni aborigene. Ha chiesto anche un’accelerazione del processo con cui gli Aborigeni e le comunità dello stretto di Torres potranno vedersi riconoscere il ‘diritto nativo’ sulle loro terre.