I Boscimani vincono il caso giudiziario

Manifestazioni di giubilo davanti alla sede dell'Alta Corte del Botswana che oggi ha emesso un verdetto storico a favore dei Boscimani del Kalahari. Alle 16,56 di questo pomeriggio, i giudici hanno stabilito che lo sfratto dei Boscimani è stato "illegale e anticostituzionale" e che hanno il diritto di ritornare a vivere nella loro terra.

La corte ha anche decretato che i Boscimani che hanno intentato causa hanno il diritto di cacciare e raccogliere liberamente nella riserva, senza dover chiedere il permesso di entrarvi.

Uno dei giudici, Justice Phumaphi, ha dichiarato che il rifiuto del governo di lasciare cacciare i Boscimani "equivale a condannare chi risiede nella riserva a morire di fame".

Tuttavia, i giudici hanno stabilito che il governo non avrà l'obbligo di fornire servizi e assistenza ai Boscimani che vorranno vivere nella riserva.

"È il giorno più bello della nostra vita" ha dichiarato il portavoce dei Boscimani Roy Sesana davanti al tribunale. "Abbiamo pianto così a lungo, ma oggi verseremo lacrime di gioia. Finalmente siamo stati dichiarati liberi. Gli sfratti sono stati molto dolorosi per il mio popolo e ora vogliamo solo tornare a casa, nella nostra terra."

Il direttore di Survival, Stephen Corry, ha commentato: "Il verdetto della Corte rappresenta una vittoria non solo per i Boscimani ma anche per tutti i popoli indigeni dell'Africa. Ed è una vittoria anche per il Botswana. Se il Governo eseguirà velocemente l'ordine della Corte, la campagna per i Boscimani finirà e il paese avrà veramente qualcosa di cui andare orgoglioso".

"Quando abbiamo tradotto il verdetto nella loro lingua" continua Francesca Casella, responsabile per l'Italia di Survival, "i Boscimani hanno cominciato a danzare ringraziando tutti coloro che li hanno sostenuti in questi lunghi anni di sofferenza. La vittoria va dedicata soprattutto a loro: alle migliaia di persone che hanno accolto i nostri appelli rendendo possibile quello che a tanti sembrava solo un'utopia. Finalmente è stata fatta giustizia!".

Questo caso giudiziario è stato il più lungo e costoso della storia del Botswana nonostante sia stato intentato ai suoi abitanti più poveri.

PER LA CARTELLA STAMPA COMPLETA SUL CASO, clicca qui.

Per leggere l'appello dei Boscimani a Leonardo Di Caprio e scaricare la cartella stampa relativa, clicca qui.

Per ulteriori informazioni:
Francesca Casella – 02 8900671 – [email protected]
Oppure Miriam Ross: Tel 0044 207 6878734
Email [email protected]