Il Canada approva la Dichiarazione ONU sui popoli indigeni

Bambini Innu.
Bambini Innu.
© Serge Jauvin/Survival

Tre anni dopo la sua approvazione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il Canada ha finalmente deciso di appoggiare la Dichiarazione sui popoli indigeni.

In un comunicato diffuso venerdì scorso, il dipartimento canadese agli Affari indiani e del Nord ha affermato: “Il Governo del Canada intende rendere omaggio alle donne e gli uomini aborigeni che hanno giocato un ruolo importante nell’elaborazione di questa Dichiarazione”.

Appoggiando la Dichiarazione, il Canada riafferma il suo impegno a costruire una relazione positiva e costruttiva con le Prime Nazioni, con gli Inuit e il popolo dei Métis, per accrescere il benessere degli aborigeni canadesi, fondata sulla storia comune, il rispetto e il desiderio di progredire insieme.

I popoli indigeni del Canada hanno accolto con gioia la tanto attesa decisione. Tuttavia l’Assemblea delle Prime Nazioni – l’organizzazione indigena nazionale – ha espresso la sua viva preoccupazione per una precisazione fatta dal governo, che ha ricordato che “la Dichiarazione non è un documento giuridicamente vincolante e non rispecchia la legge consuetudinaria internazionale né modifica la legge canadese”.

“Questo giorno segna un importante cambiamento nelle nostre relazioni e il vero lavoro comincia ora” ha dichiarato il Capo dell’Assemblea Nazionale delle Prime Nazioni, Shawn A-in-chut Atleo. “L’appoggio alla Dichiarazione è un’opportunità per guardare avanti e rivedere le relazioni tra le Prime Nazioni e la Corona in modo che siano coerenti con i Trattati e altri accordi sottoscritti con le Prime Nazioni su cui è stato fondato il paese.”

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato formalmente la Dichiarazione nel 2007 nonostante l’opposizione di Canada, Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti. Dei quattro paesi, gli USA sono rimasti i soli a non aver ancora rivisto la propria posizione.

Nonostante la Dichiarazione costituisca un passo importante verso il riconoscimento dei diritti indigeni e tribali, non è giuridicamente vincolante. Survival sta conducendo una campagna perché tutti i paesi ratifichino l’unica legge internazionale vincolante in materia, e cioè la Convezione 169 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro.

Firma subito la petizione! per la ratifica della ILO169 da parte dell’Italia.

Guarda il filmato sulla ILO169 realizzato da Albero Angela con Survival