Uomini Guarani.
Uomini Guarani. © João Ripper/Survival

Un indigeno brasiliano è l’ultima vittima di una serie di omicidi connessi al furto della terra del suo popolo.

Osmair Martins Ximenes era un Guarani del Brasile meridionale. Nel 2007, altri due membri della sua comunità, Kuretê Lopez e Ortiz Lopez, furono uccisi da sicari al soldo degli allevatori durante un tentativo di rioccupare le loro terre ancestrali.

I Guarani della comunità di Kurusu Mba chiedono che vengano riconosciuti al più presto i loro diritti alla terra. “La nostra impazienza sta crescendo; questo ritardo si sta lentamente prendendo le nostre vite, esponendoci al genocidio”.

Nel frattempo, l’8 dicembre scorso, una ventina di Guarani sono stati torturati dopo avere tentato di rioccupare la loro terra ancestrale di Mbaraka’y, nel territorio di Iguatemi, vicino al confine con il Paraguay.

Questi Guarani furono espulsi dalle loro terre negli anni ’50 dagli allevatori di bestiame. Da allora vivono nelle sovraffollate riserve di Sassoró and Porto Lindo.

Le guardie di sicurezza assoldate dagli allevatori hanno attaccato i Guarani nei pressi delle fattorie che ora occupano le loro terre.

Gli Indiani sono stati picchiati e caricati con violenza sui camion con mani e piedi legati; cinque sono stati colpiti con armi da fuoco.

Cinque Guarani sono stati portati in ospedale per le ferite riportate. Il resto del gruppo è rimasto sul ciglio della strada, senza acqua né cibo.

Si tratta del terzo conflitto verificatosi negli ultimi due mesi tra Indiani e allevatori dello stato del Mato Grosso do Sul.

Alla fine di ottobre, due insegnanti guarani, Rolindo Vera e Genivaldo Vera, sono scomparsi durante un attacco armato sferrato contro la loro comunità nei pressi della città di Paranhos. Mentre il corpo di Genivaldo è stato trovato qualche giorno dopo, Rolindo è ancora disperso.

Nel 2007, il Procuratore Generale ha ordinato al governo di definire e demarcare tutti i territori tradizionali guarani ma il progetto, fortemente ostacolato dagli allevatori e dai proprietari terrieri sostenuti dal governo locale, giace in fase di stallo.