Baronessa britannica: i Boscimani sono 'primitivi' e 'dell'età della pietra'

La notte scorsa, durante un dibattito presso la Camera dei Lord inglese, la Baronessa Tonge ha fatto riferimento alla caccia praticata dai Boscimani con arco e frecce come ad metodo "primitivo" e ha definito il loro stile di vita "dell'età della pietra". Ignorando la causa che i Boscimani stanno dibattendo contro il governo del Botswana, ha anche ripetuto dichiarazioni circa il loro stile di vita che sono già state giudicate false dalla Corte Suprema del Botswana.

La Baronessa Tonge – ex Parlamentare liberal democratica Jenny Tonge – era stata allontanata dal gruppo parlamentare per aver sostenuto di "identificarsi" con i kamikaze.

La Tonge ha dichiarato che una manciata di Boscimani, insieme a Survival, stanno "tenendo in ostaggio il governo del Botswana". In realtà, il governo è stato portato in giudizio da 240 Boscimani, gli abitanti più poveri del paese, che accusano le autorità di averli sfrattati con la forza dalla loro terra ancestrale. Ha inoltre sostenuto che i Boscimani cacciano nella Central Kalahari Game Reserve con armi da fuoco e veicoli 4×4 – ma il Direttore della Forestale, Joseph Matlhare, testimone del governo stesso, ha ammesso in tribunale di non essere a conoscenza di alcuna prova che ciò sia mai accaduto. Ha inoltre sostenuto che la presenza dei pochi animali domestici dei Boscimani stava compromettendo l'ecologia della riserva – ma le stesse cifre del governo mostrano che nei dieci anni precedenti agli sfratti il numero degli animali selvatici della riserva è raddoppiato.

Nel 2002, la Tonge, insieme a Lord Jones e altri parlamentari britannici, aveva compiuto una visita di mezza giornata in uno dei campi di reinsediamento costruiti dal governo del Botswana per i Boscimani. A fare loro da guida erano i funzionari del governo stesso. La scorsa notte, Lord Pearson, che faceva parte della stessa delegazione, ha rivelato che il viaggio dei parlamentari, volo aereo in prima classe compreso, era stato pagato dalla De Beers. La De Beers è la compagnia che sta esplorando la terra dei Boscimani in cerca di diamanti.

"L'idea era quella di convincere me e gli altri membri del gruppo non solo che il Botswana fosse un bel posto ma anche che i Boscimani non fossero mai stati maltrattati…", ha dichiarato Lord Pearson. "Ho preso la precauzione di ingaggiare un mio interprete personale, per poter sentire ciò che veniva esattamente detto da alcuni dei 200 Boscimani e famiglie presenti nel campo di New Xade. Ho sentito descrivere questo posto come un luogo di morte, dove non c'è niente da fare se non bere, far uso di droghe e ammalarsi di HIV/AIDS…Sono tornato a casa più convinto che mai che si stava compiendo una grande ingiustizia".

Lord Jones, che secondo il quotidiano Mail on Sunday è conosciuto dai rivali politici come "Junket Jones", difende senza sosta lo sfratto dei Boscimani effettuato per mano del governo del Botswana. In Botswana ha recentemente comprato una villa lussuosa da una compagnia chiamata "Dolce Vita", costruita sulla terra del figlio di un ex-ministro del Botswana.

Per leggere una trascrizione del dibattito, clicca qui.

Sono disponibili fotografie e filmati.

Per ulteriori informazioni:
Francesca Casella – 02 8900671 – [email protected]
Oppure Miriam Ross – 0044 207 6878734 – [email protected]