E-mail urgente

Permetta ai Guarani di vivere nella loro terra

Damiana Cavanha, leader della comunità di Apy Kay, ha visto morire suo marito e tre figli.

Damiana Cavanha, leader della comunità di Apy Kay, ha visto morire suo marito e tre figli.

© Paul Patrick Borhaug/Survival

Ancora una volta i Guarani del Brasile sono stati cacciati dalla loro terra e le loro case sono state demolite, condannandoli a vivere nell’indigenza ai margini di un’autostrada.

Il 6 luglio 2016, la comunità guarani di Apy Ka’y è stata sfrattata, da circa 100 agenti di polizia, dal piccolo pezzo di terra ancestrale che avevano rioccupato nel 2013.

I video della demolizione delle loro case e della reazione della leader indigena Damiana hanno causato indignazione a livello internazionale.

I Guarani lottano per la loro terra, ma questo ha un prezzo. Damiana è una madre che ha perso tre figli, tutti uccisi nella loro lotta. Ora, è lei nel mirino dei sicari.

Damiana e i Guarani dipendono da te. Per favore scrivi al Ministero della Giustizia per chiedere che la terra venga restituita ai Guarani!

E-mail inviate:  Aiutaci a raggiungere 15.000!



a: Ministro André Mendonça

Target email addresses:[email protected][email protected]

CC email addresses: [email protected][email protected][email protected][email protected][email protected]

Egregio Ministro,

sono profondamente sconcertato nell’apprendere che la comunità guarani di Apy Ka’y è stata sfrattata ancora una volta.

Non essendogli è concesso di vivere nella loro terra ancestrale, sono costretti a vivere in condizioni sconvolgenti ai margini di una strada dove dilagano malnutrizione e malattie, e dove alcuni Guarani sono già stati uccisi.

Le chiedo di rispettare la Costituzione brasiliana e i diritti dei Guarani: garantisca che la loro terra ancestrale gli sia restituita con la massima urgenza.

Damiana e il suo popolo non devono essere costretti a sopportare ulteriori sofferenze e morti per ottenere ciò che è loro di diritto.

Cordialmente,