Giornata mondiale dell’acqua: indignazione in tutto il mondo per la mega diga etiope 21 marzo 2011

"I Kwegu dipendono interamente dal fiume Omo per la loro sopravvivenza."
"I Kwegu dipendono interamente dal fiume Omo per la loro sopravvivenza."
© Survival

Sono quasi 400 le organizzazioni che hanno firmato la petizione contro la diga più alta dell’Africa che sarà consegnata domani alle ambasciate etiopi di Europa e Stati Uniti, in concomitanza con la Giornata mondiale dell’acqua che si celebra il 22 marzo.

La gigantesca diga Gibe III, in costruzione lungo il fiume Omo, minaccia almeno otto tribù in Etiopia e circa 300.000 persone che vivono attorno al famoso lago Turkana del Kenia. Copie della petizione saranno consegnate in Francia, Germania, Italia, Belgio, Gran Bretagna e Stati Uniti.

La diga, che secondo il governo etiope sarebbe già costruita al 40%, fermerà i cicli naturali delle esondazioni da cui dipendono i metodi di coltivazione delle tribù della valle dell’Omo. Benché il governo affermi di poter risolvere il problema ricreando delle “piene artificiali”, lo scorso anno i costruttori della diga hanno svelato dei progetti che prevedono che le tribù “passino a forme più moderne (sic!) di coltivazione” dopo “un periodo di transizione”.

L’imposizione di un cambiamento di questo tipo si rivelerà senza dubbio disastrosa perché comporterà l’eliminazione delle già inadeguate “piene artificiali” in un panorama di totale mancanza di garanzie di mezzi alternativi di sopravvivenza.

“Noi ci nutriamo di quello che ci dà il fiume Omo. Dipendiamo dal pesce che è come il nostro bestiame. Se le piene dell’Omo cessano, moriremo tutti” ha dichiarato un membro della tribù dei cacciatori raccoglitori Kwegu.

Il governo etiope ha anche destinato agli investimenti agricoli 180.000 ettari di terra della valle, e alcuni appezzamenti si trovano nei territori delle tribù Nyangatom, Karo e Mursi.

Le tribù non sono state consultate sulla diga, sul “cambiamento” di mezzi e tecniche di sostentamento e nemmeno sulla cessione delle loro terre agli investitori stranieri, in violazione della stessa Costituzione dell’Etiopia.

La Banca Africana di Sviluppo (AfDB) e la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) hanno entrambe deciso di non finanziare la diga. La Banca dell’Industria e del Commercio cinese e la Exim Bank of China sono già coinvolte in numerosi aspetti nel progetto ma l’Etiopia ha bisogno di trovare altro denaro. Il governo italiano sta ancora considerando se finanziare la diga nonostante la decisa opposizione della maggior parte delle Ong italiane, mentre recentemente l’Etiopia è diventata il più grande singolo beneficiario degli aiuti allo sviluppo del governo britannico, da cui aspetta di ricevere 2 miliardi di dollari nei prossimi quattro anni.

Survival International, Campagna per la Riforma della Banca Mondiale, International Rivers, Counter Bilance e Friends of Lake Turkana hanno unito le loro forze per promuovere una petizione che chiede al governo etiope di “sospendere la costruzione della diga Gibe III fino a quando i popoli colpiti dal progetto non avranno espresso il loro libero, preventivo e informato consenso”.

“Se il governo costruirà dighe sulle acque delle tribù della valle dell’Omo e frazionerà la loro terra a beneficio degli investitori stranieri, questi popoli potrebbero non sopravvivere” ha commentato Stephen Corry, direttore generale di Survival International. “Il governo sta sospingendo l’industrializzazione del paese a spese dei suoi popoli più vulnerabili”.

Alcune banche e società coinvolte:
Salini Costruttori (Italia) – principale appaltatore dei lavori di costruzione della diga
Harsco (USA) – fornitore di attrezzature
Dongfang Electric Corporation (Cina) – opere elettriche e idromeccaniche
ICBC (banca cinese)
EXIM (banca cinese)

 

Condividi questa storia.

 

Aiuta popoli della valle dell’Omo

  • Manda una e-mail al Direttore Generale della Cooperazione italiana Giampaolo Cantini per chiedergli di assicurare che i soldi dei contribuenti italiani non siano usati, direttamente o indirettamente, per sostenere lo sfratto dei popoli della valle dell’Omo.
  • Effettua una donazione per sostenere la campagna di Survival per le tribù della Valle dell’Omo e altri popoli minacciati.
  • Guarda e diffondi Arrivano i nostri!, un breve filmato che con illustrazioni brillanti e umorismo tagliente racconta la storia dei popoli indigeni distrutti nel nome dello “sviluppo”.

Tieniti aggiornato

Iscriviti alla newsletter elettronica di Survival:

Ricevi le notizie in tempo reale:

 

o seguici su Internet:

Archivio notizie