La Banca Europea per gli Investimenti rinuncia a finanziare la diga Gibe III 5 agosto 2010

Le donne Mursi amano indossare un piattello alle labbra. Viene indossato prima del matrimonio, intorno all'età di 16 anni.
Le donne Mursi amano indossare un piattello alle labbra. Viene indossato prima del matrimonio, intorno all'età di 16 anni.
© Eric Lafforgue/Survival

La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) ha reso noto di non essere più interessata a finanziare Gibe III, la più alta diga dell’Africa oggetto di vaste critiche e preoccupazioni internazionali per i devastanti effetti che potrebbe avere sulla sicurezza alimentare di almeno otto tribù etiopi.

In una nota ufficiale, la BEI afferma di essersi ritirata da Gibe III perché il governo etiope avrebbe trovato fonti alternative di finanziamento. Tuttavia, la banca dell’Industria e del Commercio cinese (ICBC) identificata come tale potenziale finanziatore, ha recentemente precisato che l’accordo non è ancora stato siglato e che è non è certo che ci sarà.

Prima di ritirarsi, la BEI ha commissionato e completato una revisione degli studi di impatto sociale e ambientale esistenti. La revisione conferma le preoccupazioni espresse da Survival e altre associazioni secondo cui la diga potrebbe sconvolgere le vite delle popolazioni indigene che vivono nella bassa valle dell’Omo e minacciare la sicurezza alimentare di centinaia di migliaia di persone. Lo studio riconosce anche che le tribù coinvolte non sono state adeguatamente consultate.

 

Condividi questa storia.

 

Aiuta popoli della valle dell’Omo

  • Manda una e-mail al Direttore Generale della Cooperazione italiana Giampaolo Cantini per chiedergli di assicurare che i soldi dei contribuenti italiani non siano usati, direttamente o indirettamente, per sostenere lo sfratto dei popoli della valle dell’Omo.
  • Effettua una donazione per sostenere la campagna di Survival per le tribù della Valle dell’Omo e altri popoli minacciati.
  • Guarda e diffondi Arrivano i nostri!, un breve filmato che con illustrazioni brillanti e umorismo tagliente racconta la storia dei popoli indigeni distrutti nel nome dello “sviluppo”.

Tieniti aggiornato

Iscriviti alla newsletter elettronica di Survival:

Ricevi le notizie in tempo reale:

 

o seguici su Internet:

Archivio notizie