Brasile: Guarani ‘disperati’ per l’assassinio di un’altra leader indigena 4 novembre 2014

"La leader guarani Marinalva Manoel è stata uccisa a coltellate dopo aver partecipato alla campagna per la rivendicazione della terra ancestrale della sua tribù."
"La leader guarani Marinalva Manoel è stata uccisa a coltellate dopo aver partecipato alla campagna per la rivendicazione della terra ancestrale della sua tribù."

© Aty Guasu

Una leader guarani è stata uccisa nel Brasile centro-occidentale dopo aver preso parte alla campagna per la restituzione della terra ancestrale alla sua tribù.

Marinalva Manoel, di 27 anni, sarebbe stata violentata e uccisa a coltellate. Il suo corpo è stato ritrovato sabato sul ciglio di una superstrada.

Due settimane prima, Marinalva aveva percorso oltre 1000 chilometri insieme a una delegazione di leader guarani per raggiungere la capitale Brasilia. Avevano sollecitato le autorità a rispettare l’obbligo legale di restituire la terra agli indigeni, prima che altri membri della tribù venissero assassinati.

Il Consiglio Guarani, Aty Guasu, che dà voce alle richieste degli Indiani, ha diffuso una lettera in cui chiede alle autorità di indagare sull’omicidio e ha lanciato l’appello “Basta morti Guarani!”

"Il corpo della leader guarani Marinalva Manoel è stato ritrovato sul ciglio di una superstrada."
"Il corpo della leader guarani Marinalva Manoel è stato ritrovato sul ciglio di una superstrada."

© Osvaldo Duarte/Dourados News

I leader guarani vengono spesso attaccati e uccisi da sicari al soldo degli allevatori che occupano la terra indigena e ricavano enormi profitti dalla vendita di canna da zucchero, soia e bestiame. I Guarani, invece, vivono ammassati in riserve e accampamenti ai margini delle strade.

I membri della tribù soffrono di tassi allarmanti di malnutrizione, violenze e suicidi. A volte decidono di rioccupare piccoli appezzamenti della terra ancestrale che gli fu rubata decine di anni fa, e senza la quale non possono sopravvivere. Sette comunità che recentemente hanno rioccupato la loro terra, tra cui quella di Marinalva, oggi rischiano ordini di sfratto che potrebbero costringerli ancora una volta ad andarsene.

“Lottiamo per la nostra terra, e ci uccidono uno ad uno” ha commentato il leader guarani Eliseu Lopes che alla fine di settembre è stato ospite della sede italiana di Survival. “Vogliono disfarsi di noi tutti… Siamo disperati, ma non cederemo.”

 

Condividi questa storia.

 

Aiuta i Guarani del Brasile

Il tuo sostegno è vitale per la sopravvivenza dei Guarani. Ecco cosa puoi fare:

Scrivi al presidente del Brasile per chiedergli di demarcare le terre dei Guarani e fermare l’assassinio dei loro leader;

Sostieni la campagna di Survival per i Guarani. Ogni euro raccolto aiuterà i Guarani a difendere i loro diritti umani, a riconquistare le terre ancestrali, a difendere le loro vite, a ripristinare i loro orti. Nessun importo sarà mai troppo piccolo.

Scrivi all’ambasciata brasiliana in Italia

Per altre forme di collaborazione, contatta Survival

Tieniti aggiornato

Iscriviti alla newsletter elettronica di Survival:

Ricevi le notizie in tempo reale:

 

o seguici su Internet:

Archivio notizie