Survival invia all’ONU un rapporto sulla scioccante condizione dei Guarani del Brasile 18 marzo 2010

I Guarani di Laranjeira Ñanderu, costretti a vivere accampati sul ciglio della strada.
I Guarani di Laranjeira Ñanderu, costretti a vivere accampati sul ciglio della strada.
© CIMI

La situazione in cui versa la tribù dei Guarani del Brasile meridionale è una delle peggiori fra tutti i popoli indigeni delle Americhe, denuncia un nuovo rapporto di Survival International alle Nazioni Unite.

La pubblicazione del rapporto giunge in coincidenza con la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Discriminazione Razziale del 21 marzo.

I Guarani soffrono di elevati tassi di suicidio, malnutrizione, arresti arbitrari e alcoolismo, e sono regolarmente presi di mira e uccisi da uomini armati al soldo degli allevatori che hanno preso il controllo della loro terra.

Il disconoscimento dei diritti territoriali degli Indiani è individuato nel rapporto come la causa principale di questa situazione esplosiva.

Il rapporto sottolinea che la crescente domanda di etanolo come combustibile alternativo alla benzina determinerà un’ulteriore sottrazione di terra ai Guarani e un conseguente peggioramento della loro situazione.

Nonostante abitino in uno degli stati più ricchi del Brasile, che è tra le economie emergenti più grandi al mondo, molti Guarani versano in povertà estrema. Alcuni vivono sotto teloni di plastica ai lati di trafficatissime superstrade, altri in “riserve” cronicamente sovraffollate dove dipendono dalle elargizioni governative.

Una comunità guarani che vive ai margini della strada e che ha visto tre dei suoi leader uccisi dai sicari degli allevatori, ha dichiarato: “Cresce l’impazienza per l’eccessivo ritardo nella demarcazione della nostra terra. Ci sta uccidendo lentamente e ci sta esponendo al rischio di genocidio”.

“Questo rapporto descrive la spaventosa condizione in cui versano i Guarani” ha dichiarato Stephen Corry direttore generale di Survival. “È responsabilità morale e giuridica del governo brasiliano garantire che le violazioni dei diritti umani e la discriminazione razziale perpetrati contro i Guarani siano fermati. Senza un’azione rapida ed efficiente, molti altri Guarani soffriranno e moriranno.”

Alcuni fatti

  1. Violenza: i Guarani subiscono violenti attacchi e molti dei loro leader sono stati assassinati. Nel 2008, nel Mato Grosso do Sul, in conflitti interni ed esterni sono stati uccisi 42 Guarani.
  1. Suicidi: il tasso di suicidi fra i Guarani è uno dei più elevati del mondo. Più di 625 Guarani si sono tolti la vita dal 1981 (quasi l’1,5% della popolazione totale), e nel 2005 il tasso di suicidi dei Guarani era 19 volte superire a quello della media nazionale. Tra coloro che si sono suicidati si sono anche bambini dell’età di nove anni.
  1. Malnutrizione e cattive condizioni di salute: molti Guarani soffrono di malnutrizione e il loro tasso di mortalità infantile è più del doppio della media nazionale, mentre l’aspettativa di vita è di oltre vent’anni più bassa.
  1. Detenzioni arbitrarie: i Guarani sono spesso imprigionati senza motivo, senza possibilità di avere un’interprete e assistenza legale. Scontano “pene sproporzionatamente dure per reati minori”.
  1. Sfruttamento dei lavoratori: molti Guarani sono costretti a lavorare nelle piantagioni di canna da zucchero delle industrie dell’etanolo che hanno occupato le loro terre ancestrali. I salari sono miserevoli e le condizioni di lavoro disumane.

Leggi il rapporto (scarica la versione inglese oppure quella in portoghese).

 

Condividi questa storia.

 

Aiuta i Guarani del Brasile

Il tuo sostegno è vitale per la sopravvivenza dei Guarani. Ecco cosa puoi fare:

Scrivi alla presidente del Brasile per chiederle di demarcare le terre dei Guarani e fermare l’assassinio dei loro leader;

Sostieni la campagna di Survival per i Guarani. Ogni euro raccolto aiuterà i Guarani a difendere i loro diritti umani, a riconquistare le terre ancestrali, a difendere le loro vite, a ripristinare i loro orti. Nessun importo sarà mai troppo piccolo.

Scrivi all’ambasciata brasiliana in Italia

Per altre forme di collaborazione, contatta Survival

Tieniti aggiornato

Iscriviti alla newsletter elettronica di Survival:

Ricevi le notizie in tempo reale:

 

o seguici su Internet:

Archivio notizie