“Orgoglio e Resilienza”: ultime settimane per il concorso fotografico 2020 di Survival International

La fotografia vincitrice della scorsa edizione: un meraviglioso ritratto di una bambina tibetana che abbraccia un agnello realizzato da Mattia Passarini.

La fotografia vincitrice della scorsa edizione: un meraviglioso ritratto di una bambina tibetana che abbraccia un agnello realizzato da Mattia Passarini.
© Mattia Passarini / Survival International

Si chiude a fine maggio il consueto e ormai attesissimo concorso fotografico annuale di Survival International, il movimento mondiale per i popoli indigeni. Le candidature sono aperte sia ai fotografi amatoriali sia ai professionisti, di qualsiasi parte del mondo.

Il tema dell’edizione 2020 è “Orgoglio e Resilienza”. Nonostante i 500 anni di oppressione e genocidio, e contro ogni previsione, i popoli indigeni e tribali sono sopravvissuti. Molti di loro continuano a resistere con forza al furto delle loro terre nonostante sia in corso un attacco mondiale e senza precedenti ai loro diritti, conquistati e garantiti al prezzo di decenni di lotte. L’orgoglio e la dignità che dimostrano verso la loro cultura, identità e resistenza sono fonte di ispirazione per tutti.

Xakriabá, Brasile, 2016.

Xakriabá, Brasile, 2016.
© Edgar Kanaykõ Xakriabá / Survival International

Il concorso valorizza il ruolo importante giocato della fotografia nel sensibilizzare il pubblico nei confronti dei popoli indigeni e delle minacce che attentano alla loro esistenza, e nel celebrare il loro coraggio e la loro forza straordinari.

Tra i membri della giuria figurano il direttore generale di Survival International, Stephen Corry; la Direttrice di Survival International Italia, Francesca Casella, il co-fondatore della Little Black Gallery, Ghislain Pascal, e Max Houghton, professore di fotografia al London College of Communcation.

Le 12 fotografie vincitrici saranno pubblicate nel calendario “We, The People” 2021 di Survival. La prima classificata si aggiudicherà la copertina.

Una bambina Tla-o-qui-aht, British Columbia, Canada, 2014, in uno scatto della fotografa indigena Melody Charlie.

Una bambina Tla-o-qui-aht, British Columbia, Canada, 2014, in uno scatto della fotografa indigena Melody Charlie.
© Melody Charlie / Survival International

Le foto vincitrici saranno pubblicate anche sul sito di Survival e sui social.

Potete seguire il concorso e postare i vostri contributi usando l’hashtag #SurvivalPhotoComp2020 (ma attenzione: il semplice uso dell’hashtag non consente automaticamente la partecipazione della fotografia al concorso. Per candidare le proprie immagini cliccare qui).

Le immagini devono essere state scattate negli ultimi 10 anni.
I fotografi indigeni sono particolarmente incoraggiati a partecipare.
La data di chiusura del concorso è il 31 maggio 2020.

Tutti i dettagli su: https://www.survival.it/articoli/3341-concorso-fotografico