E-mail urgente

Un appello dagli Yanomami

-

-
© Fiona Watson/Survival

Migliaia di cercatori d’oro illegali stanno distruggendo la terra degli Yanomami, nel nord dell’Amazzonia.

Introducono violenze e malattie infettive tra le comunità indigene dell’area. Davi Kopenawa Yanomami, sciamano e leader del popolo yanomami, ci ha inviato questo messaggio:

Cari amici,

noi popoli Yanomami e Ye’kuana non vogliamo attività minerarie nella nostra terra.

Siamo molto preoccupati.

Il governo Bolsonaro vuole distruggere la foresta. Ma l’attività estrattiva non ci porterà alcun beneficio – solo malattie, violenze e morte.

Bolsonaro dice che è tanta terra a disposizione di pochi Indigeni, ma quei “pochi” Indigeni proteggono la foresta per il mondo intero.

Ha imboccato la strada sbagliata: uccide i fiumi, gli alberi e i pesci, e sostiene i minatori.

Dobbiamo esercitare pressione sul governo. Insieme saremo abbastanza forti.

Davi Kopenawa Yanomami

Negli anni ’80, Davi Kopenawa Yanomami e i sostenitori degli Yanomami in tutto il mondo hanno lottato per la protezione del territorio yanomami – e hanno vinto! Per favore, sostieni anche tu la lotta di Davi e degli Yanomami per fermare il genocidio in Brasile #StopBrazilsGenocide


Per favore, manda subito una e-mail al governo brasiliano.



a: President Jair Bolsonaro, Minister Sérgio Moro, Minister Bento Costa Lima Leite de Albuquerque Junior and Minister Ricardo Salles

Target email addresses:[email protected] [email protected] [email protected] [email protected] [email protected]

Egregi signori,

gli Yanomami hanno denunciato la presenza di migliaia di cercatori d’oro che operano illegalmente nella loro terra minacciano la loro sopravvivenza – e quella di uno dei territori a maggiore biodiversità del Brasile.

Mi unisco all’appello degli Yanomami, che chiedono il rispetto della costituzione, l’espulsione immediata dei minatori – che dovranno poi essere tenuti fuori per sempre – e la sospensione di tutti i piani di apertura delle loro terre alle attività estrattive su larga scala.

Cordiali saluti.