Gli Ayoreo-Totobiegosode del Paraguay sono l’ultimo dei popoli incontattati del Sud America sopravvissuto al di fuori dell’Amazzonia. Vivono in un’isola di verde in continua diminuzione perchè  i bulldozer stanno distruggendo la foresta tutt’intorno a ritmi vertiginosi per far spazio agli allevamenti di bestiame.

La Commissione Inter-Americana sui Diritti Umani ha ordinato al Paraguay di proteggere la terra degli Ayoreo, ma allevatori ben finanziati abbattono la foresta, aprono strade, innalzano recinzioni e stanno persino costruendo grandi bacini idrici per il bestiame.

È del tutto illegale, ma il governo paraguaiano sembra non essere particolarmente interessato a far rispettare la legge. La situazione degli Ayoreo-Totobiegosode (“il popolo del luogo dei cinghiali”) è ora molto critica.

La maggior parte degli Ayoreo-Totobiegosode fu contattata negli anni ’80 dai missionari nel corso di una serie di famigerate “cacce all’uomo”, nel corso delle quali diversi membri della tribù furono uccisi. I sopravvissuti furono costretti a lasciare la foresta, ma alcuni dei loro parenti sono riusciti a restare incontattati e vogliono continuare a vivere nella terra ancestrale.

“Se le nostre terre non saranno protette, presto i nostri parenti incontattati che vogliono restare nella foresta non riusciranno più a sopravvivere” ha detto Orojoi, leader Totobiegosode.

Survival sostiene le rivendicazioni territoriali degli Ayoreo da oltre venticinque anni e parte della loro terra è stata finalmente protetta.

Abbiamo bisogno che i loro amici e alleati in tutto il mondo facciano pressione sulle autorità paraguaiane per costringerle a rispettare la legge e a proteggere il territorio degli Ayoreo da ulteriore distruzione.

Se non si interverrà al più presto, il futuro degli Ayoreo-Totobiegosode si prospetta davvero cupo. 

Per favore, invia subito una e-mail al vice-Presidente del Paraguay e al responsabile degli Affari Indigeni sollecitandoli a intervenire al più presto.

E-mail inviate: : 14.224
Aiutaci a raggiungere 15.000!