E-mail urgente

Chiedi all’India di fermare gli sfratti dei popoli tribali dalle riserve delle tigri

Il campo di Asan Kudar, dove dal 2013 vivono sotto teloni di plastica oltre un centinaio di indigeni Khadia sfrattati dalla Riserva delle tigri di Similipal. Hanno ricevuto solo una piccola parte del risarcimento promesso. I giornali indiani hanno lodato questo sfratto come un modello di “successo”.
© Survival International

In tutta l’India, il governo sta sfrattando illegalmente migliaia di persone dalle loro terre ancestrali, convertite in riserve delle tigri.

Dopo le recenti elezioni nazionali, molte famiglie di Baiga e Gond sono state sfrattate dalla Riserva delle tigri di Kanha. Nel 2013, i cacciatori-raccoglitori Khadia erano stati sfrattati dalla Riserva delle tigri di Similipal, e da allora vivono sotto teloni di plastica.

Questi sfratti sono illegali sia secondo la legge indiana sia secondo quella internazionale.

Per favore, scrivi al Ministro in carica chiedendogli di rispettare la legge e di fermare tutti gli sfratti che non hanno il consenso libero, prioritario e informato delle comunità indigene coinvolte.

E-mail inviate: Aiutaci a raggiungere 15.000!



a: Ministro dell’Ambiente e delle Foreste

Target email addresses: dr.harshvardhan@sansad.nic.in

 

Al destinatario viene inviato solo il tuo nome, non il tuo profilo Facebook nè l'indirizzo e-mail


Nessun spamming nè cessione a terzi