E-mail urgente

Intervieni subito per la sopravvivenza delle tribù incontattate

Nei prossimi mesi si deciderà del futuro di vari popoli incontattati.

I loro territori, nel profondo della foresta pluviale dell’Amazzonia brasiliana, sono tutelati da “ordinanze di protezione territoriale” d’emergenza che stanno per scadere.

Le ordinanze rendono illegale l’accesso alle terre delle tribù da parte di trafficanti di legname, minatori e altri invasori. Senza questa protezione, le foreste verrebbero completamente distrutte – e i popoli che le proteggono e che da esse dipendono per sopravvivere potrebbero essere sterminati.

Uno di questi territori è la casa dei Piripkura incontattati, sopravvissuti a decenni di furti di terra e massacri brutali da parte degli invasori.

Oggi, politici anti-indigeni e imprenditori agricoli – incoraggiati dagli attacchi genocidi del Presidente Bolsonaro contro i popoli indigeni del Brasile – stanno cercando di abolire le ordinanze per poter rubare queste terre e aprirle ad allevamenti, taglio del legno, attività estrattive e molto altro. Interi popoli potrebbero essere spazzati via.


“Se li uccidono, non resterà nessuno”
ha detto Rita Piripkura, i cui parenti incontattati vivono in uno dei territori.


Invia subito una e-mail al governo brasiliano chiedendogli di rinnovare queste ordinanze di protezione territoriale, di sfrattare tutti gli invasori, di proteggere efficacemente queste terre e di fermare il genocidio in Brasile #StopBrazilsGenocide.

E poi, aiutaci a fare pressione sul governo anche attraverso i social media!
Segui gli hashtag #AssinaFunai e #TribùIncontattate.

Aggiornamento:
Il 16 settembre 2021, il FUNAI ha rinnovato l’ordinanza di protezione territoriale della terra indigena Piripkura. Il rinnovo, però, vale solo 6 mesi. L’ordinanza precedente durava 3 anni, e si auspicava un rinnovo altrettanto lungo.

E-mail inviate:  Aiutaci a raggiungere 20.000!



a: Ministro Anderson Gustavo Torres, Sr Marcelo Augusto Xavier da Silva, Deputado Arthur Lira e Senador Rodrigo Pacheco

Target email addresses:[email protected][email protected][email protected][email protected]

Egregi Ministro Anderson Gustavo Torres, Signor Marcelo Augusto Xavier da Silva, Deputato Arthur Lira e Senatore Rodrigo Pacheco,

le ordinanze di protezione territoriale d’emergenza (“portarias de restrição de uso”) sono cruciali per la sopravvivenza delle tribù incontattate – i popoli più vulnerabili del pianeta.

I tentativi di abolirle, così come di ridurre le dimensioni di questi territori, costituiscono un attacco genocida ai popoli indigeni del Brasile e devono essere fermati.

Nei prossimi mesi scadranno le ordinanze di protezione territoriale di 4 territori indigeni. In particolare: nel 2021 quelle dei territori Jacareuba Katawixi e Pirititi e, a inizio 2022, le ordinanze dei territori indigeni Ituna Itatá e Piripkura.

Vi impegnerete a:
- rinnovare queste ordinanze di protezione territoriale
- sfrattare tutti gli invasori illegali da questi territori
- demarcare pienamente queste terre, come previsto dalla costituzione brasiliana e dalla legge internazionale?

Cordiali saluti.